Visitate l’inespugnabile fortezza di un tempo alla luce delle lanterne esplorando 1500 anni di storia.

Nel V secolo il castello venne scelto da oltre 2000 famiglie ischitane come rifugio contro le incursioni dei pirati, divenne una residenza delle famiglie nobili normanne del XII secolo e raggiunse il suo massimo splendore nel XV secolo sotto la guida di Alfonso d'Aragona. Quest’ultimo diede inizio alla rinascita di questo luogo che attirò illustri artisti e letterati, fino a Michelangelo.

A quell'epoca esistevano 13 chiese e un convento delle Clarisse, che venne edificato da loro stesse poiché agli uomini era proibito aiutarle. Oggi è possibile visitare la tetra cripta con sedili di pietra vuoti dove le suore defunte venivano poste per la loro decomposizione. Le suore si recavano attorno ai corpi delle consorelle per pregare e meditare sulla durata effimera della vita terrena, raccogliendo i loro resti e le loro ossa decomposte.